Cos'è l'intelligenza artificiale? Chiediamolo a lei.

Wendell Wallach ha introdotto il concetto di agenti morali artificiali (AMA) nel suo libro Moral Machines. Per Wallach, gli AMA sono diventati una parte del panorama di ricerca dell’intelligenza artificiale come guidato dalle sue due domande centrali che egli identifica come “L’umanità vuole che i computer prendano decisioni morali” e “Possono i (Ro)bot essere davvero morali”. Fonte [0]

Queste domande riguardano sia la garanzia che tali macchine non danneggino gli esseri umani e altri esseri moralmente rilevanti, sia lo status morale delle macchine stesse. Fonte [1]

Da una prospettiva filosofica, l’Intelligenza Artificiale ha il potenziale di aiutare gli esseri umani a vivere vite più significative e prive di lavori forzati, e di aiutare a gestire la complessa rete di individui, aziende, stati e nazioni interconnessi per funzionare in un modo che sia vantaggioso per tutta l’umanità. Fonte [2]

L’intelligenza artificiale è una costellazione di molte tecnologie diverse che lavorano insieme per permettere alle macchine di sentire, comprendere, agire e imparare con livelli di intelligenza simili a quelli umani. Fonte [3]

Nell’uso popolare, l’intelligenza artificiale si riferisce alla capacità di un computer o di una macchina di imitare le capacità della mente umana - imparare dagli esempi e dall’esperienza, riconoscere gli oggetti, capire e rispondere al linguaggio, prendere decisioni, risolvere problemi - e combinare queste e altre capacità per eseguire funzioni che un umano potrebbe svolgere, come accogliere un ospite di un hotel o guidare una macchina. Fonte [4]

L’intelligenza artificiale (AI) è la capacità di un computer o di un robot controllato da un computer di svolgere compiti che di solito sono fatti da esseri umani perché richiedono intelligenza e discernimento umano. Fonte [5]

I sistemi AI possono includere qualsiasi cosa, da un sistema esperto - un’applicazione per la risoluzione dei problemi che prende decisioni basate su regole complesse o sulla logica “se/allora” - a qualcosa come l’equivalente del personaggio immaginario Pixar Wall-E, un computer che sviluppa l’intelligenza, il libero arbitrio e le emozioni di un essere umano. Fonte [4]

L’apprendimento della macchina è un sottocampo dell’intelligenza artificiale, che è ampiamente definito come la capacità di una macchina di imitare il comportamento umano intelligente. Fonte [6]

L’intelligenza artificiale è la simulazione dei processi di intelligenza umana da parte delle macchine, specialmente dei sistemi informatici. Fonte [7]

L’intelligenza artificiale permette ai computer e alle macchine di imitare la percezione, l’apprendimento, la risoluzione dei problemi e le capacità decisionali della mente umana. Fonte [4]

L’intelligenza artificiale (AI), conosciuta anche come intelligenza artificiale, è una branca dell’informatica che mira a dotare il software della capacità di analizzare il suo ambiente utilizzando sia regole predeterminate e algoritmi di ricerca, sia modelli di apprendimento automatico che riconoscono modelli, e quindi prendere decisioni basate su queste analisi. Fonte [8]

Cognitive computing e AI I termini AI e cognitive computing sono a volte usati in modo intercambiabile, ma, in generale, l’etichetta AI è usata in riferimento a macchine che sostituiscono l’intelligenza umana simulando il nostro modo di sentire, imparare, elaborare e reagire alle informazioni nell’ambiente. Fonte [7]

Mentre queste definizioni possono sembrare astratte alla persona media, esse aiutano a focalizzare il campo come un’area dell’informatica e forniscono un modello per infondere alle macchine e ai programmi l’apprendimento automatico e altri sottoinsiemi di intelligenza artificiale. Fonte [9]

Il professor Pedro Domingos, un importante ricercatore in questo campo, descrive “cinque tribù” di apprendimento automatico, composte da simbolisti, con origini nella logica e nella filosofia; connessionisti, derivanti dalle neuroscienze; evoluzionisti, relativi alla biologia evolutiva; bayesiani, impegnati con la statistica e la probabilità; e analogisti con origini nella psicologia. Fonte [10]

AI è spesso intrapresa insieme all’apprendimento automatico e all’analisi dei dati, e la combinazione risultante permette un processo decisionale intelligente. Fonte [11]

Le reti neurali artificiali e le tecnologie di intelligenza artificiale di apprendimento profondo sono in rapida evoluzione, soprattutto perché l’IA elabora grandi quantità di dati molto più velocemente e fa previsioni più accurate di quanto sia umanamente possibile. Fonte [7]

Computer avanzati come l’IBM Watson hanno già battuto gli umani a scacchi e sono in grado di elaborare istantaneamente enormi quantità di informazioni. Fonte [11]

Questi tipi di algoritmi possono gestire compiti complessi e dare giudizi che replicano o superano quello che un umano potrebbe fare. Fonte [11]

Queste macchine sono in grado di imparare con l’esperienza ed eseguire compiti simili a quelli umani. Fonte [2]

Questo significa macchine che possono riconoscere una scena visiva, capire un testo scritto in linguaggio naturale, o eseguire un’azione nel mondo fisico. Fonte [6]

D’altra parte, alcuni programmi hanno raggiunto i livelli di prestazioni di esperti umani e professionisti nell’esecuzione di alcuni compiti specifici, in modo che l’intelligenza artificiale in questo senso limitato si trova in applicazioni diverse come la diagnosi medica, i motori di ricerca del computer e il riconoscimento della voce o della scrittura. Fonte [5]

Ci sono ambizioni di creare IA con una gamma più ampia di abilità, conosciuta come intelligenza artificiale generale (AGI), che potrebbe eseguire qualsiasi compito che il cervello umano può. Fonte [12]

A causa dei limiti delle reti neurali, alcuni sostengono che un approccio completamente diverso potrebbe essere necessario per raggiungere l’AGI. Fonte [12]

Un sistema AGI dovrebbe comprendere migliaia di sistemi di Intelligenza Artificiale Stretta che lavorano in tandem, comunicando tra loro per imitare il ragionamento umano. Fonte [2]

Un sistema di Super Intelligenza Artificiale (ASI) sarebbe in grado di superare tutte le capacità umane. Fonte [2]

Costruire un sistema di IA è un attento processo di reverse-engineering dei tratti e delle capacità umane in una macchina, e usare la sua abilità computazionale per superare ciò di cui siamo capaci. Fonte [2]

Ci sono molti altri usi dell’IA intorno a noi ogni giorno, la tecnologia sta avanzando ad un ritmo rapido e sta cambiando continuamente il nostro modo di vivere. Fonte [13]

Dagli assistenti personali a comando vocale come Siri e Alexa, a tecnologie più sottostanti e fondamentali come algoritmi comportamentali, ricerche suggestive e veicoli a guida autonoma che vantano potenti capacità predittive, ci sono diversi esempi e applicazioni di intelligenza artificiale in uso oggi. Fonte [1]

In breve, ci sono stati straordinari progressi negli ultimi anni nella capacità dei sistemi AI di incorporare intenzionalità, intelligenza e adattabilità nei loro algoritmi. Fonte [11]

In questo modo, l’IA cerca di imitare l’intelligenza biologica per permettere all’applicazione software o al sistema di agire con vari gradi di autonomia, riducendo così l’intervento umano manuale per una vasta gamma di funzioni. Fonte [8]

Al suo centro, l’IA è la branca dell’informatica che mira a rispondere alla domanda di Turing in modo affermativo. Fonte [9]

Se l’intelligenza artificiale generale è possibile; se una macchina può risolvere qualsiasi problema che un essere umano può risolvere usando l’intelligenza, o se ci sono limiti difficili a ciò che una macchina può realizzare. Fonte [0]

Se le macchine intelligenti sono pericolose; come gli umani possono assicurare che le macchine si comportino in modo etico e che siano usate in modo etico. Fonte [0]

L’argomento del cervello artificiale Un argomento che afferma che il cervello può essere simulato da macchine e, poiché i cervelli mostrano intelligenza, anche questi cervelli simulati devono mostrare intelligenza - ergo, le macchine possono essere intelligenti. Fonte [0]

L’equivoco dei robot è legato al mito che le macchine non possono controllare gli umani. Fonte [14]

Per causarci problemi, tale intelligenza sovrumana disallineata non ha bisogno di un corpo robotico, ma solo di una connessione internet - questo può permettere di superare in astuzia i mercati finanziari, superare in astuzia i ricercatori umani, superare in astuzia i leader umani, e sviluppare armi che non possiamo nemmeno capire. Fonte [14]

Anche se costruire robot fosse fisicamente impossibile, una IA super-intelligente e super-ricca potrebbe facilmente pagare o manipolare molti umani per fare inconsapevolmente i suoi ordini. Fonte [14]

Stretto è un descrittore più accurato per questa IA, perché è tutt’altro che debole; permette alcune applicazioni molto impressionanti, tra cui Apples Siri e Amazons Alexa, il computer IBM Watson che ha sconfitto concorrenti umani a Jeopardy, e auto a guida autonoma. Fonte [4]

[0] https://en.wikipedia.org/wiki/Artificial_intelligence
[1] https://libguides.cccneb.edu/AI
[2] https://www.mygreatlearning.com/blog/what-is-artificial-intelligence/
[3] https://www.accenture.com/us-en/insights/artificial-intelligence-summary-index
[4] https://www.ibm.com/cloud/learn/what-is-artificial-intelligence
[5] https://www.britannica.com/technology/artificial-intelligence
[6] https://mitsloan.mit.edu/ideas-made-to-matter/machine-learning-explained
[7] https://www.techtarget.com/searchenterpriseai/definition/AI-Artificial-Intelligence
[8] https://www.techopedia.com/definition/190/artificial-intelligence-ai
[9] https://builtin.com/artificial-intelligence
[10] https://aws.amazon.com/machine-learning/what-is-ai/
[11] https://www.brookings.edu/research/what-is-artificial-intelligence/
[12] https://www.newscientist.com/definition/artificial-intelligence-ai/
[13] https://www.wgu.edu/blog/what-ai-technology-how-used2003.html
[14] https://futureoflife.org/background/benefits-risks-of-artificial-intelligence/

Ciao, sono Michele!

Sono molto felice di saperti qui.
Ogni giorno ti raccontiamo qualcosa di nuovo sull'AI e sulle nuove tecnologie. Seguici sui social o iscriviti alla newsletter!

Iscriviti alla newsletter!

Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

Ti va di rimanere aggiornatə?

Niente spam, niente pubblicità. Ogni tanto una mail. Tutto qui.
(Ah, ovviamente i tuoi dati non verranno mai ceduti)

Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy