GET SET HACK By RISE: promuovere la cybersecurity come campo di carriera per i giovani indiani

  • Tempo di lettura: 5 minuti

Lo scoppio della bolla speculativa dell’Ed-tech indiano quest’anno, insieme all’inverno dei finanziamenti in corso, ha avuto un impatto massiccio sul settore; tuttavia, una miriade di piattaforme edtecnologiche riesce ancora a prosperare e a crescere a ritmo sostenuto. Una di queste startup che sta facendo passi da gigante con una moltitudine di iniziative interessanti è RISE.

Guidata da Gaurav Bhatia, CEO, e Khyaati Jain, VP-Operations and Strategy, la piattaforma edtech è stata fondata nell’aprile 2021 e ha sede a Pune. La startup sta portando avanti una serie di iniziative interessanti e ingegnose, come la recente iniziativa di incorporare la forza lavoro neurodiversa. La startup ha anche recentemente lanciato il suo primo GET SET HACK by RISE, un hackathon sulla sicurezza informatica, in collaborazione con ThriveDX e il governo dell’Andhra Pradesh. Iniziato a fine luglio, i risultati dell’hackathon, durato due mesi, sono stati annunciati all’inizio di settembre. L’hackathon è stato lanciato nel contesto di una massiccia carenza di forza lavoro competente in materia di sicurezza informatica nell’India digitale. L’idea alla base dell’hackathon era quella di accendere l’interesse dei giovani indiani per la sicurezza informatica e incoraggiarli a scegliere una carriera in questo campo.

L’India sta assistendo a una serie di hackathon organizzati da governi, India Inc. e startup. Con la rapida evoluzione delle dinamiche industriali e dei progressi tecnologici, l’India è diventata il secondo polo di innovazione tecnologica al mondo. Come Paese, abbiamo assistito a un’impennata nell’adozione di tecnologie che ospitano una vasta gamma di settori legati alla tecnologia avanzata. Con la creazione di milioni di nuovi posti di lavoro nel settore delle tecnologie avanzate, l’India è fortemente carente di professionisti qualificati per ricoprire questi ruoli. Per questo motivo, l’adozione precoce della tecnologia attraverso l’apprendimento STEM e l’utilizzo di strumenti come gli hackathon è stata determinante per aiutare i giovani indiani ad approfondire i campi delle tecnologie avanzate come la crittografia, la sicurezza informatica e l’intelligenza artificiale. Alcuni degli hackathon che si sono svolti di recente sono Microsoft- future ready application hackathon per sviluppatori e nativi digitali, Smart India Hackathon del governo indiano - con la partecipazione del Primo Ministro Modi che ha dichiarato: “Le innovazioni indiane forniscono sempre le soluzioni più competitive, accessibili, sostenibili, sicure e su scala. Ecco perché il mondo guarda all’India con speranza”.

Parlando dell’importanza, in questa intervista con Gaurav Bhatia, CEO di RISE, The Outlook approfondisce la necessità di questi hackathon e di come si imposta il GET SET.

HACK by RISE ha potuto contribuire:

  1. Qual è l’obiettivo dell’Hackathon GET SET HACK? GET SET HACK di RISE è stata creata come piattaforma per ospitare hackathon su vari argomenti e l’edizione attuale di GET SET HACK è incentrata sulla sicurezza informatica. Noi di RISE vogliamo creare consapevolezza sulla sicurezza informatica come opportunità di carriera per i giovani indiani, poiché è uno dei settori in più rapida crescita a causa dell’aumento della popolazione digitale in tutto il mondo e la domanda di professionisti qualificati è molto alta.

  2. Qual è il ruolo di ThriveDX in questa iniziativa di collaborazione? ThriveDX Saas è partner di RISE per il corso di Cybersecurity, della durata di 12 mesi, e ha anche creato il programma di studio e la piattaforma tecnologica per la sfida finale.

  3. Come si è svolto l'Hackathon e qual è stata la risposta?
    

Le iscrizioni all’hackathon si sono aperte a luglio e abbiamo avuto una risposta travolgente di oltre 22.000 iscrizioni, che ha superato tutte le nostre aspettative iniziali. Abbiamo svolto un test di selezione iniziale da cui sono usciti 1.000 finalisti che hanno poi partecipato a diversi webinar e moduli di autoapprendimento, in cui i partecipanti sono stati introdotti alla sicurezza informatica e alla penetrazione delle applicazioni web, alla crittografia, ai cifrari classici e alla codifica. La sfida finale si è poi svolta a fine agosto.

  1. Quali sono le attività intraprese dai partecipanti durante l’Hackathon? Durante l’Hackathon, i partecipanti sono stati introdotti a una serie di attività e hanno appreso i seguenti argomenti: Forensics: nascondere i dati in file insospettabili Introduzione alla sicurezza informatica e alla penetrazione delle applicazioni Web Autoapprendimento - Fondamenti di crittografia Cifrari e codifiche classiche Sfida finale sulla crittografia, in cui hanno dovuto decifrare dei file criptati. È stata una prova di abilità e di tempo in cui hanno trovato le informazioni.

  2. Come possiamo preparare le prossime generazioni a essere pronte per le tendenze lavorative in atto in Paesi tecnologicamente in via di sviluppo come l’India e in tutto il mondo?

Nel corso del tempo abbiamo assistito a un aumento dell’interesse per la Cybersecurity come argomento, e la fenomenale risposta all’hackathon stesso è la prova di questo crescente interesse. Abbiamo anche visto molte donne partecipare all’hackathon, con circa 6500 registrazioni. La Cybersecurity è un settore tradizionalmente dominato dagli uomini, ma sempre più donne si dimostrano interessate a imparare la Cyber Security e a fare carriera in questo campo. Inoltre, le donne nel settore tecnologico sono incoraggiate attivamente con i nostri programmi speciali per le donne che vogliono iscriversi al nostro bootcamp di Cybersecurity. La startup è anche in fase di espansione e ha recentemente ampliato la propria presenza a Bengaluru e Hyderabad. La startup prevede inoltre di iscrivere 9.000 studenti entro novembre 2022 e 12.000 studenti entro marzo 2023.

Ciao, sono Michele!

Sono molto felice di saperti qui.
Ogni giorno ti raccontiamo qualcosa di nuovo sull'AI e sulle nuove tecnologie. Seguici sui social o iscriviti alla newsletter!

Iscriviti alla newsletter!

Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

Ti va di rimanere aggiornatə?

Niente spam, niente pubblicità. Ogni tanto una mail. Tutto qui.
(Ah, ovviamente i tuoi dati non verranno mai ceduti)

Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy