Università di Guelph: L'Istituto di Intelligenza Artificiale nomina il Prof. di Ingegneria dell'Università di Guelph Direttore della Ricerca

  • Tempo di lettura: 3 minuti

Graham Taylor, professore del College of Engineering and Physical Sciences, è stato nominato direttore di ricerca del Vector Institute, una società indipendente senza scopo di lucro dedicata alla ricerca e al progresso dell’intelligenza artificiale (AI).

Vector, con sede a Toronto, è stata lanciata nel 2017 con i finanziamenti dei governi federale e provinciale, degli sponsor industriali ed è cresciuta fino a raggiungere 28 partner accademici, tra cui l’Università di Guelph.

Taylor arriva a questo ruolo dopo aver ricoperto il ruolo di direttore della ricerca ad interim, uno dei primi membri della facoltà nominati al Vector all’inizio, quando l’U of G era una delle prime università canadesi ad affiliarsi all’istituzione.

“L’intelligenza artificiale è uno strumento che aiuta a diventare più creativi”, ha detto Taylor, “espandendosi oltre la linearità del pensiero umano”.

Negli ultimi dieci anni, ha osservato, le persone sono diventate più consapevoli dell’IA, una tecnologia ormai onnipresente.

L’Istituto Vector e il settore dell’IA in crescita in Canada Quando l’IA ha iniziato a crescere e a diventare più diffusa in diverse tecnologie, ha spiegato Taylor, i ricercatori di IA sono stati attratti dalle opportunità di lavoro all’estero, facendo perdere al Canada alcuni dei suoi talenti. “Il Canada è al di sopra delle sue possibilità quando si tratta di IA”, ha detto.

Consapevole del problema, nel 2017 il governo federale ha lanciato la strategia pan-canadese per l’IA, finanziando tre istituti di ricerca per un periodo di cinque anni: Gli istituti “gemelli” di Vector, Mila a Montreal e Amii a Edmonton. La strategia pan-canadese sull’IA è stata rinnovata nel 2022 per un secondo mandato quinquennale, oltre al sostegno di sponsor industriali e della provincia.

Molti dei partner industriali di Vector provengono dal settore sanitario, compresi gli ospedali, dove l’IA viene implementata per prevenire le minacce alla privacy e alla sicurezza informatica. “Spesso è possibile guadagnare molta efficienza, sicurezza e produttività utilizzando la tecnologia AI”, ha dichiarato Taylor.

Enorme interesse per l’intelligenza artificiale alla U of G L’istituto forma ogni anno migliaia di studenti di master in Ontario, compresi quelli della U of G, uno dei primi programmi post-laurea riconosciuti dal Vector per la sua formazione. Il legame tra l’Università e l’Istituto ha creato un’opportunità per l’U of G di reclutare docenti e studenti che, grazie alla partnership, entrano a far parte di una più grande comunità di IA.

La Scuola di Ingegneria non offre attualmente un corso di apprendimento automatico a livello universitario, ha detto Taylor, nonostante il grande entusiasmo. “C’è un enorme interesse per l’informatica in generale, ma soprattutto per l’intelligenza artificiale”.

Gli studenti si rivolgono spesso a questo tipo di lavoro, ha detto, e i ricercatori del campus desiderano lavorare con studenti formati a questo tipo di tecnologia. “Si può applicare l’IA a molti campi diversi, purché si disponga di dati in quella disciplina”, ha detto, definendola una “tecnologia di uso generale”.

Domande esistenziali sull’uso dell’intelligenza artificiale Tuttavia, “ci sono grandi domande esistenziali sull’IA”, ha riconosciuto Taylor, poiché la tecnologia continua a trasformare le industrie, i luoghi di lavoro e persino le attività creative. Uno degli obiettivi principali di Vector è quello di far conoscere le tecnologie e di far capire come prenderne il controllo per fare scelte corrette e sicure.

“Alcuni ricercatori di Vector stanno abbandonando altre aree dell’IA per dedicarsi alla sicurezza dell’IA”, ha dichiarato Taylor, analogamente al lavoro svolto dal Centre for Advancing Responsible and Ethical Artificial Intelligence, di cui è co-direttore accademico. “Guelph sta lavorando per educare il pubblico su questioni come la sicurezza dell’IA, attraverso iniziative come CARE About AI, sponsorizzata da TD”.

Ciao, sono Michele!

Sono molto felice di saperti qui.
Ogni giorno ti raccontiamo qualcosa di nuovo sull'AI e sulle nuove tecnologie. Seguici sui social o iscriviti alla newsletter!

Iscriviti alla newsletter!

Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy

Ti va di rimanere aggiornatə?

Niente spam, niente pubblicità. Ogni tanto una mail. Tutto qui.
(Ah, ovviamente i tuoi dati non verranno mai ceduti)

Iscrivendoti accetti la nostra Privacy Policy